Il mio primo videogame pubblicato su una rivista specializzata… il ripensarci oggi è quasi commovente! Ero da poco approdato all’università ed erano gli anni ruggenti della sfida ZX Spectrum vs. Commodore 64.

Questo gioco era un genere misto di adventure e RPG, un’ambientazione Fantasy ricca di elementi tradizionali, di soluzione non banale, con un’interfaccia di mia concezione che si presentava bene per l’epoca. Il motore di gioco gestiva molti aspetti non ovvi, come l’alternanza di giorno e notte e la necessità di cibo del protagonista.

La grafica nel complesso era soddisfacente, considerato il software disponibile: oggi è facile parlare di “fotoritocco” ma avete mai provato a disegnare con la tastiera, pixel per pixel?

Gli osservatori più attenti potranno notare quelle che all’epoca erano autentiche finezze, come il font medievaleggiante sostituito a quello di sistema, anch’esso ridisegnato carattere per carattere, pixel per pixel, basandomi sul manuale di una vecchia stampante ad aghi!

Gli osservatori potranno avere una vaga reminescenza del mitico videogame The Lords of Midnight di Mike Singleton: ebbene sì, volli rendere omaggio a quel gioco, di un fascino e di una vastità che davvero sembrava impossibile per i 48K disponibili, prendendolo come ispirazione per gli elementi della mappa.

La rivista era un sottile fascicolo cartaceo con annessa cassetta audio piena di programmi (sì, allora venivano salvati su cassetta audio!) Si chiamava Load’n’Run e il gioco venne pubblicato sul numero 31 della rivista, nel lontano ottobre 1986.

Chi volesse provare l’ebbrezza del retrogaming può ancora giocarlo in emulazione: trovate tutto il necessario su questo sito.

Grande novità all’inizio del 2015! Chi volesse giocarlo non in emulazione ma via browser può guardare qui!

Load'n'Run 31, ottobre 1986

Load’n’Run 31

Sorcerers' Land

Le istruzioni per giocare pubblicate sulla rivista cartacea

La schermata di caricamento

La schermata di caricamento

Una schermata dal gioco

Una schermata dal gioco